Cunnette vi cù noi

Movie Reviews

[Revisione Sundance] Brutal "Talk to Me" puderia esse u megliu titulu di Midnight Festival

Published

on

I filmi d'orrore australiani sò alcuni di i migliori di u generu. Ùn anu micca paura di spinghje i limiti di e duie storie o gore. Hè evidenti da u principiu chì Parlà à mè si move à traversu - in modu attraversu - quelle stesse linee. 

In questu filmu, i zoomers sò catturati in u focu incruciatu soprannaturale dopu avè realizatu una sfida di seduta di moda utilizendu una manu conservata è un avantbracciu di un psichicu. Questa hè a so porta à l'altru mondu induve i dimònii prughjettanu per manipulà a vita umana. Tuttu ciò chì ci vole hè di stringhje a manu di divulgazione cum'è un ghjocu di carnaval "prova a vostra forza" per fà u cuntattu. Hè ancu un grande esperimentu pronta per Tik Tok induve e vedute sò prubabilmente cullà.

Cù tutta a so pompa di l'adolescenza, quandu questi amichi si riuniscenu, si sente un pocu cum'è HBO Euphoria cù un Conjuring torce. Andaria ancu finu à paragunà cù Evil Dead, i mostri quì sò cusì intensi è brutti. Ci hè ancu un pesante James Wan influenza da daretu in u so Insidioso ghjorni. Coppiu tutte queste cose cù a Creepypasta-tipu storia è pudete imaginà chì tipu d'infernu hà da attraversà.

À l'iniziu, l'adulescenti si divertenu à esse pussessu unu per unu, filmendu ogni scenariu. Questu hè finu à chì unu d'elli hè superatu da un spiritu forte chì ferisce violentamente u so òspite forzendulu à sbattà a testa contr'à superfici dure. Ma micca prima di manipulàlu per caccià u so ochju è poi sguillà in una sessione di lingue è tutte e cose cù un bulldog. Avete lettu bè.

A brutalità hè sfrenata. 

L'adulti sò certi chì l'adulescenti facenu droghe duru dopu à e ferite. Sì solu e droghe veri eranu u casu. I zitelli uttene un "altu" nantu à questi pussessi, ma, fendu cusì, anu strappatu inconsapevolemente un foru trà u mondu reale è l'altru induve i spiriti maligni passanu è manipulanu i participanti di u ghjocu. 

A nostra protagonista in difficultà, Mia (Sophie Wilde) hè cunvinta chì hà fattu cuntattu cù a so mamma morta per mezu di una di e sessioni. Ghjè un mumentu di cori, l'unicu, ind'issu incantu incantu d'imaghjini disturbanti chì ùn si pò micca vede.

U film hè direttu da YouTuber gimelli Danny è Michael Philippou. Malgradu u so picculu schermu mediu, sti picciotti anu un avvene in spazii più grande. Parlà à mè hè un amalgama di idee minate ma stu duo li rende megliu. Ancu in quantu à appiccà un sbarcu quasi perfettu chì sapete in questu generu hè una rarità. 

Hè ancu rinfrescante di vede chì permettenu à u nostru caratteru principale, Mia, di sdrughje lentamente in a pazzia senza tirà stunts boni solu per appacià u publicu destinatu. Ogni scantu hè un scopu, ogni mostru hè sviluppatu è ciò chì anu da dì hè impurtante.

Wilde ùn lascia mai chì u generu hà u megliu di ella. Ella interpreta Mia cun un sensu sottumessu di debule. Pudete vede, s'ellu ùn era micca stata per a morte di a so mamma, sta ghjovana ùn cascaria sottu à e trappule di a pressione di i pari stupidi. Per tirà tanti strati fora di una attrice ùn hè micca u risultatu di un attellu di attore caru, ma u segnu di una futura stella chì perfeziona u so craft.

Sembra chì i direttori anu vistu u talentu in Wilde è si sò focalizzati annantu à questu invece di alcuni di l'altri attori. Alexandra Jensen cum'è Jade interpreta u megliu amicu di sustegnu, ma micca à i livelli di una ragazza finale chì avemu abituatu. È Joe Bird cum'è Riley, u pusessu, hè terribili cum'è u precursore di l'infernu.

U Philippou hà prubabilmente urlatu forte quandu l'attrice veterana Miranda otto (L'avventura di Sabrina, Annabelle: Creazione) hà dettu bè à u script. Hè maravigliosa in tuttu ciò chì face. Ella porta lucidatura à un filmu digià brillanti.

Ùn ci hè micca assai difettu per esse indicatu Parlà à mè. A cinematografia meriteghja una ligera aghjurnazione, è l'idee cullettive di l'opere passate sò innegabilmente presente, ma a film ùn prova mai di migliurà queste idee per esse extra. Hè cumplettamente cuscente chì hè un prestitu, ma ciò chì i filmmakers paganu vale assai più di ciò chì hè statu pigliatu.

Parlà à mè hè una parte di u Sezione di mezzanotte di Sundance Film Festival 2023.

Cliccate per fà cumandà
0 0 Studià
Valutazione di l'articolo
Segui
Notificà di
0 Comments
Feedbacks Inline
Vede tutti i cumenti

Movie Reviews

[Recensione Sundance] "The Night Logan Wake Up" mostra i denti scuri è familiari in un thriller avvincente

Published

on

Sundance Film Festival 2023 hè in corso è, cum'è sempre, offre u megliu di u megliu in u generu horror per u so publicu cumpresu A notte Logan si svegliò, un novu thriller episodicu di talentu multi-tratti, Xavier Dolan (Aghju uccisu a mo mamma).

Situatu in Quebec è presentatu in canadese francese, Sundance hà presentatu i primi episodi di duie ore di a nova serie cum'è parte di u so prugramma Indie Episodic. Dolan è un cast brillanti contanu a storia di una famiglia chì si riunisce mentre a so matriarca mori.

Di sicuru, tuttu ùn hè micca bè in a famiglia. S'ellu fussi, ùn ci saria tantu da parlà, nò ?

In u corsu di dui episodi intensi, ghjuchemu di voyeur à l'infedeltà di u fratellu maiò Julien, a relazione tesa di u fratellu minore Denis cù a so ex-moglia è e so figliole, è a ricuperazione incerta di u fratellu minore Elliot da droghe è alcol.

È po ci hè Mireille, l'unica surella di a famiglia, alluntanata da elli per anni dopu à l'evenimenti accaduti trent'anni prima quand'ella s'intruduceva in a stanza di a so crush in mezzu di notte. Qualcosa d'orribile hè accadutu quella notte, qualcosa chì hà cambiatu a famiglia per sempre, è ci sò datu i primi avvisi iniziali di questu quandu a serie principia.

Dolan, chì interpreta ancu u fratellu più chjucu Elliot, hà scrittu è direttu a serie basata nantu à a dramma di Michel Marc Bouchard, è hà riunitu un cast dinamicu, assai di i quali sò stati in a pruduzzione teatrale originale, per dà vita à a storia.

A notte Logan si svegliò
Una famiglia si riunisce mentre a so matriarca morse A notte Logan si svegliò

Patrick Hivon s'incarna cum'è Julien, chì tene à u passatu quasi suffocante sottu u pesu di ellu. Eric Bruneau porta u cori è a dispunibilità emotiva cum'è u figliolu mediu, sempre cercandu di piacè, sempre pruvatu à fà u dirittu. Cum'è Elliott, Dolan ci tratta à una prestazione ipercaricata. Pudete sentu ch'ellu si vacilla, minaccia di cascà in vechji abitudini. U so mondu hè fattu di vetru crackatu chì puderia chjappà sottu à ellu in ogni mumentu.

In quantu à Mireille, Julie LeBreton porta un spettaculu belli strati à a serie. Hè u core scuru di stu misteru di a famiglia, è ogni mossa è ogni volta di frasa parenu calculate à u più chjucu decimale. Ella decima è guarisce cù una prontezza accresciuta da a capacità di LeBreton di trasmette furia à un sussurru.

À a fine di u sicondu episodiu, eru nantu à a riva di u mo sediu.

Ùn sò micca solu vuliti per sapè ciò chì succede dopu; I bisognu per sapè. Dolan hà fattu un bellu travagliu scherzendu a storia di fondo A notte Logan si svegliò. Sembra avè una comprensione innata di quantu dettagliu hè abbastanza per mantene u so publicu interessatu senza dà troppu luntanu.

Hè un talentu chì troppu pochi scrittori in l'intrattenimentu di generu parenu pussede più, è hè un piacè di vede cum'è ghjucà cusì bellu.

A notte Logan si svegliò hè purtatu à u screnu da StudioCanal. A serie hè stata presentata in u 2022 in u Club Illico in Canada è hè prevista per una rilassione più larga dopu a so proiezioni Sundance.

Cuntinuà Reading

Movie Reviews

[Revisione Sundance] "Infinity Pool" hè un Esame Bleak di Identità

Published

on

Pool Infinity

Brandon Cronenberg Pool Infinity ghjuntu à u Sundance Film Festival cun un sguardu micca cusì sorprendentemente sfurtunatu à a ricchezza, u sessu è l'identità cù l'orrore di u corpu per risparmià.

Alexander Skarsgard interpreta James Foster, un autore chì soffre di u bloccu di u scrittore, chì viaghja cù a so moglia Em (Cleopatra Coleman) à l'isula fittizia di La Tolqa. I visitori di l'isula sò tenuti per legge à stà in u so resort resort, ma dopu avè scontru cù u misteriosu coppiu ultra-riccu Alban è Gabi (Jalil Espert è U mo Goth), si trovanu fora di e porte.

In u so ritornu à u compostu, Ghjacumu chjappà un omu cù a so vittura, uccidendulu istantaneamente, è dopu, senza prucessu, hè cundannatu à morte. Hè quì chì li pruponenu un affare. Hanu a tecnulugia per creà una replica cumpleta di ellu, cù tutti i so ricordi intactu, chì pò mori in u so locu.

Quale hè chì ricusà un affare cusì ?

Si pone a quistione, però: Chì faci unu dopu chì avete vistu more ? Cumu ricuperà da questu?

Di sicuru, Ghjacumu lotta cù e risposte per e duie ore dopu. Skarsgard dà un spettaculu brillanti in u rolu. Fighjulà chì si rompe una è una volta è una volta hè terrificante è straziante. Eppuru, ci era più d'una occasione induve vulia scuzzulàlu è dì à ellu di scappà.

Questu hè, in gran parte, per via di a scrittura è a direzzione di Cronenberg. Hà pigliatu una pagina fora di u manuale di u so babbu, pitturendu largamente una tela in quale i ricchi ùn ponu micca fiducia (duh), i poveri continuanu à fà ciò chì hè male per elli perchè i ricchi li dicenu (di novu, duh), è l'unicu omu chì soffrerà e cunsequenze di e so azzioni sò i poveri chì si permettenu di esse manipulati da i ricchi.

U sessu hè male. L'astinenza hè male. A ricchezza hè male. Essa poviru hè male. A vita hè male. A morte hè male. Fà sbagli hè male. Ùn ci hè nunda cum'è un altu morale, salvu induve Cronenberg, ellu stessu, hè statu u direttore / scrittore / diu di u mondu chì hà creatu.

Abruzzo, sbulicatu, sbulicatu, sbulicatu.

Ùn mi sbagliate. Funziona. Mi piace a bughjura di stu tipu di storia. I visuali in u filmu vi restanu cun voi assai dopu à u rollu di crediti. L'orrore di u corpu, stessu, mette in vergogna à volte u travagliu di u babbu, cum'è a so manipolazione di u sessu in Pool Infinity.

U prublema era, cum'è stava à cunsiderà u filmu dopu, ùn pudia micca aiutà chì l'aghju vistu tuttu prima, cusì a quistione diventa: "Era tuttu veramente necessariu è puderia esse cuntatu a stessa storia in una manera chì era più. efficace?"

A maiò parte, diceraghju di sì. Inseme à a performance di Skarsgard, Mia Goth hè ravenosa è salvatica in u rolu di Gabi. Hè unhinged in modi interessanti, spessu assumendu u rolu di aggressore in torsioni inespettate. Hè, in fine, u fogliu di Ghjacumu, è a sà quasi da u mumentu chì si scontranu.

Goth hà ricivutu u sript per Pool Infinity mentre si filma Pearl, a seguita di Ti West X. Si pò vede un pocu di sovrapposizione in i caratteri. L'unica vera diferenza hè chì Pearl hè u cuntrariu di i ricchi è per quessa, e so decisioni venenu da un locu completamente diversu.

Sfurtunatamente, ùn ci hè micca assai altru da esse discutitu senza entre in spoilers pesanti, è pruvate d'evità quelli quant'è pussibule. L'unica quistione chì ferma veramente hè: era bonu?

Ben ...

Hè Cronenberg.

Per alcuni, questu serà u megliu filmu di l'annu. Per altri, serà odiatu in principiu. Per stu visore, ci hè solu un peccatu imperdonabile chì un film d'orrore pò fà, è questu hè di esse noioso. Qualchese altru hè, Pool Infinity is micca annoiatu.

Verificate u trailer quì sottu!

Cuntinuà Reading

Movie Reviews

[Revisione Sundance] "In My Mother's Skin" hè una fiaba terrificante

Published

on

Da u colpo di apertura di Kenneth Dagatan In a pelle di a mo mamma, i telespettatori sò avvistati di ciò chì sò in per. Hè una visione di corpi morti di fame, ma cum'è a camera panna à a manca, qualcosa si alimenta di elli.

Sta scena hè accaduta à a fine di a seconda guerra mundiale in Filippine. Un ghjovanu chjamatu Aldo è a so famiglia sò tenuti prigiuneri da una truppa d'invasori giapponesi chì pirate u so palazzu in cerca di una presunta stash d'oru. 

Aldo esce da u so propiu in a notte per ottene aiutu, lascendu a so moglia malata (Beauty Gonzalez) cù i so dui figlioli, una figliola chjamata Tala (Felicity Kyle Napuli), è un figliolu, Bayani (James Mavie Estrella). Dopu à un ghjornu, l'anzianu hè sicuru chì u so babbu hè statu uccisu, è per sminticà i so pinsamenti, ella è u so fratellu partenu à circà per ellu, ma scontru una donna strana, ma bellissima, in una cabana sguassata.

Dagatan (Ma–2018) tira una quantità pisanti da Hansel è Gretel à questu puntu. Ma infuse u so conte di fata cù l'imaghjini terribili di un paese in guerra, cumprese e so vittime macabra, i so visi congelati in u terrore lasciati à scumpressà in l'apertu.

In a pelle di a mo mamma: Epicmedia Productions

Inoltre, à u cuntrariu di u conte di Grimm, l'antagonista ùn hè micca una vechja strega temibile, ma una bella donna vestita di belli regali cù un fascinatore alatu olograficu chì mette in risaltu u so visu. U filmu s'inclina assai versu u simbolicu di a Vergine Maria. Ùn hè micca una creazione di criatura Guillermo del Toro, ma micca menu inquietante. 

U direttore stuzzica u so publicu determinatu à mantene a curiosità di e parti sottosviluppate di a trama. Qualchidunu pò chjamà questu una brucia lenta. Per esempiu, a mamma malata hè datu una cura da a so figliola - un rigalu chì riceve da a fata - ma i so effetti sò apparentemente malevoli è pare chì si stende lentamente per un periudu di ghjorni. 

U filmu suggerisce chì crede in qualcosa di disperazione puderia esse cunsulatu à cortu termini, ma se a credenza hè solu disguised cum'è bona, quantu cuntrolla senza mente hè a fede? È hè troppu tardi per annullà ciò chì hè digià fattu ? Questa hè ancu una metàfora di a guerra è di l'avidità, duie di l'altri cuntestazioni di a film. 

In a pelle di a mo mamma: Epicmedia Productions

Solu una parte di l'orrore in In a pelle di a mo mamma vene da u pussessu graduali di a mamma. L'altru hè cumu i ghjovani menti, cum'è quelli di Tala, quandu sò lasciati à fà per sè stessu, spessu reagiscenu impulsivamente senza pensamentu criticu. Questu hè in cuntrastu cù Disney's mondu omogeneizatu induve i zitelli anu a capacità di guidà senza sperienza, affruntà u male cù l'alchimia, è sopravvive à situazioni terribili, emergendu mentalmente senza danni. 

Per a nostra eroina Tala, cum'è Ofelia in Labirintu di Pan, l'universu duru in u quale ella campa insinua una strada chì porta à i regni di a fantasia. Ma quellu mondu, aiutu à u cortu termini, hè cum'è currutti, pienu di e so propiu bestie ingannevoli.

Ce In My Mothers Skin rende dolorosamente chjaru in a so propria narrazione hè chì a religione, in particulare u cattolicismu, è i so precetti, specchianu i conte di fata è sò chjappi di fede ceca. A casa espansiva di Tala hà mudificate dedicate à divinità cattoliche, ma u so putere protettivu ùn si materializza mai ancu quandu e forze, umane è soprannaturali, facenu u caos nantu à elli. Dagatan pare dì chì u male hè l'unicu putere chì si mostrarà à l'omu in tempu reale mentre a fede cumpensà dopu.

In a pelle di a mo mamma hè una fiaba grandiosa intrisa di Guillermo del Toro influenza. I paisaghji belli incorniciati sò scarsamente illuminati in una scala grisgiu-blu, adatti à un mondu pienu di paura è tragedia.

Napuli dà à Tala un falsu sensu di resistenza in a so ambizione cieca adolescente. Ella vole esse a forza chì salva a so famiglia, ma hè solu sbagliata. Cum'è una ghjovana attrice, questu pò esse difficiuli di spressione in l'azzione in diretta, forse più adattatu per una voce off di Disney, ma Napuli piglia a sfida cù un aplomb terrificante.

Dagatan (è noi u visore) sapemu chì a so storia ùn hè micca diretta versu un finale di Disney. A so principessa, insanguinata è affettata, hà patitu troppu per quessa. Hè in l'ultime parolle di dialogu prima di i crediti chì sta filma prughjetta a so saviezza à l'audienza, ma cum'è in a maiò parte di i finali di fiabe ingannevoli, ùn ci hè veramente micca "Happily Ever After".

In a pelle di a mo mamma hè una parte di u Sundance Film Festival Linea 2023.

Cuntinuà Reading